Quello che ci definisce marketer non è solo un percorso di studi, una specializzazione e un’esperienza lavorativa mirata, ma un approccio alla vita fatto di curiosità, passione, entusiasmo, arricchito di creatività compensata dall’equilibrio della razionalità, di problem solving e senso del comune obiettivo.

La complessità della materia e le molteplici definizioni e declinazioni mi hanno imposto di dare una chiara interpretazione del mio concetto di Marketing, da qui è nato il Manifesto del Marketing made easier

Se guardiamo alla mappa del marketing, sempre più complessa e articolata per i non addetti ai lavori, sempre più versatile e sfidante per i marketer, l’urgenza di semplificare diventa per me prioritario per non rimanere sommersi e schiacchiati dal daybyday.

Il marketing in azienda è visto come un costo e ha senso di esistere se produce profitto.

Solo impostando una strategia, un percorso, un flusso di gestione della vostra marketing routine, sarà possibile tramutare le azioni di marketing in attività profittevoli, in grado di generare profitto.

I clienti veri di un marketer, prima di arrivare all’utente finale, sono i colleghi, gli uffici interni dell’azienda, sono loro i primi enti che vanno serviti e soddisfatti, per accertarsi che l’azienda stessa operi con coerenza e chiarezza verso l’esterno.

E questa magia accade con la cura di ciascun progetto, alzando lo sguardo e chiedendo a chi va – per chi è – come si usa – quando si usa. Superando l’attività di per sé ma guardandola da più angolazioni.